Paolo Cavani nel 1959

Era piacevole per questi ragazzi apprendere un mestiere

Don Dorino, girando le parrocchie al seguito del vescovo Beniamino Socche, quale suo segretario, ha visto tanti giovani che non avevano la possibilità di imparare un mestiere. Allora lui, intuendo lo sviluppo che cominciava a prendere Sassuolo con le piastrelle, ha avuto la brillante idea di impiantare una scuola che potesse insegnare un mestiere a questi giovani volenterosi. Oltre alla formazione tecnica, don Dorino ci teneva anche alla formazione morale e spirituale, per farne un domani dei veri operai o imprenditori anche dal punto di vista cristiano cattolico.

Sono venuto in contatto con don Dorino in questo modo. Un giorno ho incontrato don Arrigo Costi che conoscevo fin da bambino in quanto insieme andavamo a servire la messa. Lui era un collaboratore di don Dorino, insegnava religione e curava i giovani della scuola nella vita spirituale. Mi fece una domanda a bruciapelo: se volevo collaborare con don Dorino per la gestione della scuola e dell’officina a fianco.

 

Accettai volentieri, anche perché anni prima avevo fatto un corso teorico di meccanica per corrispondenza, e mi si apriva la possibilità di mettere in pratica la teoria che avevo imparato. Era il 1959.

Gli anni trascorsi presso la scuola sono stati molto interessanti. Il lavoro che si faceva era vario, dalla lavorazione meccanica, alla costruzione di diversi macchinari e di stampi per stampaggio materie plastiche, alla lavorazione anche di particolari meccanici per conto terzi.

Era piacevole per questi ragazzi apprendere un mestiere: aggiustaggio, tornitori, fresatori, motoristi, falegnami ed elettricisti. Alla fine della scuola erano ricercati e quindi si apriva per loro una strada che portava loro migliore retribuzione e anche soddisfazione. Molti di questi allievi della scuola ACAL oggi sono diventati imprenditori.

Lasciai la scuola nel 1964. In quel momento la scuola cominciava ad avere dei problemi finanziari essendo venuti meno i sussidi che lo Stato erogava alle scuole private. Avendo da poco messo su famiglia, mi sono dovuto trovare un lavoro più remunerativo.

Paolo Cavani

 

Alcuni collaboratori di don Dorino nel 1959
In piedi a sinistra:
William Toni, a destra Paolo Cavani
Accovacciati:
Mario Corradini, Francesco Fognani, don Dorino, Renzo Ricchetti